uso stampi pavonidea

mercoledì 16 marzo 2011

pane semi dolce con Tang Zhong


La tecnica del Tang Zhon è molto antica,risale a molti secoli fa, si prepara mescolando cinque parti di acqua ad una parte di farina, messo a cuocere in un pentolino e portato a 65 °,vi accorgerete di questo quando sulla superfice cominceranno ad affiorare delle piccole bollicine ,a questo punto togliete dal fuoco e mettete a raffreddare. Questo metodo dovrebbe permettere alla pasta di assorbire più liquido a causa della gelatinizzazione dell'amido nella farina rendendo il prodotto finale più morbido e più duraturo. Io ho provato dopo aver visto il prodotto della mia amica briossa
ma ho usato una ricetta diversa presa da questo blog e devo dire che i risultati ottenuti con questa tecnica sono davvero strabilianti!
questa è la ricetta:
250 gr. di farina per pane
105 ml di latte
5 gr. di lievito
80 gr. tang zhon
40 gr. di zucchero
25 gr. di burro
4 gr.di sale
impastare tutti gli ingredienti e far lievitare ,impastare di nuovo e far lievitare di nuovo,dopo la seconda lievitazione porre l'impasto in uno stampo da plum-cake ,far lievitare e cuocere in forno caldo a 175° fino a doratura,controllare la cottura con uno stecchino lungo o con una lama di coltello.La sua morbidezza vi stupirà,buona colazione!

19 commenti:

  1. Grazie per questo interessante post, ciao :) una buona giornata

    RispondiElimina
  2. bellissimo. e il procedimento è davvero interessante. me lo segno
    ciao
    Stefania

    RispondiElimina
  3. Xò 6 stata davvero brava a fare questo pane poi guarda quant'è bello...:D...complimenti

    RispondiElimina
  4. Che bello soffice questo pane!

    RispondiElimina
  5. Maaa... sei sicura che si chiama Tang Zhong???
    Io non lo chiamo così!!!
    :D :D :D :D :D

    RispondiElimina
  6. @scary:non lo potevo chiamare zazzà come lo chiami tu in confidenza :rido:

    RispondiElimina
  7. Hai ragione Marsettina, magari poi, non riconoscendo la mia voce, se lo chiamavi zazzà manco si girava!
    ahahahah :D

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo questa tecnica, ora ovviamente non resta che provare :-)

    RispondiElimina
  9. ma è davvero interessante questa tecnica, non la conoscevo, visto il risultato la devo provare!!!complimenti!!

    RispondiElimina
  10. manco ne avevo un'idea di questo metodo..
    Grazie ..lo provero'..bravissima!!
    Ciao
    Enza

    RispondiElimina
  11. Bellissimo l'avevo visto anche io non mi resta che provarlo!!
    Bravissima
    baci Anna

    RispondiElimina
  12. wow!! mai sentita questa tecnica! il pane sembra davvero ben riuscito! si dovrebbe provare!

    RispondiElimina
  13. Mai sentita questa tecnica del Tang Zhon...interessante!
    Alda e Mariella

    RispondiElimina
  14. Mai provata questa tecnica:per me è un'assoluta novità!!!
    Spero di riuscire ad applicarla presto!

    RispondiElimina
  15. mai sentita questa tecnica e su internet non ho trovato grandi info...
    mi sapresti dire che origine ha e qualcosa sulla sua storia?
    Il pane mi ispira tantissimo ma sono a dieta...SOB.

    RispondiElimina
  16. Bello marsettina!!
    Ho sperimantato anch'io il pancarrè di Rita e sono rimasta soddisfattissima.
    Anna, io lo chiamo "zam-zom" (però con pronuncia veneziana: xax-xon). Ahahhaah!!!
    P.S. mars, da martedì a sabato sono in zona tua, vengo con la scuola, alloggerò a Piano di Sorrento, se hai possibilità, mi piacerebbe salutarti; parliamone!
    Baci

    RispondiElimina
  17. Grazie x la spiegazione di questa tecnica utilissima e che non conoscevo! Da annotare subito!

    RispondiElimina
  18. novità ,per me, interessantissima grazie e complimenti, ti abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina