uso stampi pavonidea

martedì 29 settembre 2009

coda alla "vaccinara"


Prima di scrivere la ricetta,vi posterò alcune notizie date da un nutrizionista tratte dalla rivista "La cucina italiana":saporitissima,la coda di manzo presenta un interessante mix di tessuti (muscolare,connettivo e osseo)che,dopo una lunga cottura,diventa particolarmente nutriente.Un etto di coda bollita fornisce 28 g di proteine pregiate,provenienti dal muscolo e dal collagene,anche il ferro è presente in ottima quantità.Nota storica:il nome di questo piatto deriva dal fatto che la coda veniva regalata ai vaccinari,coloro che macellavano, i quali la davano da cuocere agli osti vicino ai mattatoi che seppero trasformarla in un piatto tenero e sostanzioso!
Prima di preparare la coda alla "vaccinara",bisogna bollirla per sgrassarla.Sciacquare i pezzi di coda,metterli in una casseruola con 200g di vino bianca e acqua fino a ricoprirli.Portate a bollore e fate cuocere per mezz'ora.Colare e risciacquare la coda.
Ora si può procedere con la ricetta :tritate 100 gr di lardo (io pancetta)e fate soffriggere ,aggiungere i pezzi di coda,aggiungere 2 cipolle tritate e dopo 10 minuti aggiungere 200 g di vino bianco,dopo 10 minuti aggiungere 700 gr. di pomodori tagliati a pezzi,coprite con acqua e fate cuocere fino a che la carne si stacchi dall'osso,potete accelerare la cottura cuocendo nella pentola a pressione.Con il sugo ottenuto potete condire la pasta ,era la prima volta che cucinavo questo piatto ma vi dico che ne valeva la pena

13 commenti:

  1. Buonissimaaaaaa :-)))) bacioni..

    RispondiElimina
  2. Mai assaggiata, ma, da come la descrivi e dalla foto, sembra davvero gustosa..
    Appena la provo, ti farò sapere.. Intanto, brava!

    RispondiElimina
  3. Aiutooooooooooo la codaaaaaaaa!!!!
    Che gusto ha?!?!?!
    Mai mangiata!!!!
    Mi farebbe troppo impressione ma, se la trovassi pronta sicuramente l'assaggerei, sono sempre pronta a provare gusti mai provati!!!
    DAlla foto sembra molto buona e dal tuo post sembra anche nutriente.
    PAsso allora da te e la provo!!!!!!
    Ehehehehehe ;-D
    Kisses

    RispondiElimina
  4. Ha un aspetto ottimo e mi sa che anche questo piatto con il sughetto fa mangiare tanto pane... o sbaglio?

    RispondiElimina
  5. il matcha lo puoi trovare nei negozi che hanno prodotti provenienti da tutto il mondo.....è giapponese.
    penso che lo abbiano anche alcune erboristerie

    RispondiElimina
  6. Ma lo sai che qui da noi si usa, ma io non l'ho mai mangiata!!
    Dopo aver visto la tua.... devo provarla

    RispondiElimina
  7. una ricetta oramai storica che ci insegna a utilizzare anche le parti meno nobili

    RispondiElimina
  8. Questa è un'ottima ricetta tradizionale.

    RispondiElimina
  9. Buonissima ricetta regionale , grazie

    ciao army

    RispondiElimina
  10. Bello scoprire il tuo blog e tutte queste informazioni. Ho preparato la coda alla vaccinara la scorsa settimana, ma ho usato altri ingredienti, la tua mi sembra buonissima e adesso che so che è anche nutriente la comprerò spesso

    RispondiElimina
  11. Ricordo che una contadina di Amatrice ci metteva anche del cioccolato amaro (poco) ed il sapore era favoloso

    RispondiElimina